Linux rappresenta spesso un’alternativa al sistema operativo Windows per consentire l’utilizzo di vecchi o vecchissimi pc fissi (desktop) e portatili (notebook), ma anche un’alternativa vera e propria a Windows o MAC OS in dispositivi di nuova fabbricazione.

I principali vantaggi di Linux sono oggi la semplicità di utilizzo, la regolarità della licenza gratuita opensource per il sistema operativo e per le applicazioni, la disponibilità di applicazioni, maggiore possibilità personalizzazione, supporto anche per PC vecchi, risparmio, rispetto dell’ambiente, ecc. Altro vantaggio spesso trascurato è la possibilità di personalizzazione dell’intero sistema al fine di renderlo maggiormente adatto ad usi o persone specifiche come ad es. non esperti, scuola, bambini, anziani, handicap, ecc.

Perciò è difficile dire in assoluto quale può essere oggi la miglior versione (distribuzione) di Linux per il proprio dispositivo e caso specifico. Due parametri da valutare sono ad esempio:

  1. Caratteristiche hardware, in particolare la quantità di memoria RAM (ad es. 1GB, 512 MB, ecc.) e la velocità del processore (ad es. 200 Hz) del proprio dispositivo
  2. Le app che si intende utilizzare sul dispositivo (ad es. solo navigazione, e-mail apertura di documenti office oppure anche creazione di documenti office oppure anche creazione di grafica e/o video o programmi specifici)

Il primo parametro deve essere confrontato con quanto raccomandato nel sito internet della distribuzione Linux che si sta valutando di installare, che riporta nella sezione supporto o documentazione o simile i requisiti minimi di sistema per far funzionare correttamente il sistema operativo.

Il secondo parametro, cioè le app da utilizzare, può far aumentare anche notevolmente i requisiti di sistema necessari, in quanto applicazioni particolarmente impegnative per la macchina (ad es. montaggio video, grafica, disegno, altre specifiche) possono richiedere maggiori quantità di RAM e velocità processore di quanto non richieda il solo sistema operativo in assenza di tali app.

Chiarito questo elemento necessario di conoscenza, nel presente articolo vogliamo indicare con chiarezza una distribuzione Linux adatta per la maggior parte delle situazioni, dai pc e portatili più vecchi, fino ai nuovi. Si tratta della distribuzione UBUNTU e delle sue varianti in particolare XUBUNTU e LUBUNTU. Le varianti sono basate principalmente sull’interfaccia grafica (cioè il modo di presentare l’ambiente di lavoro, con menu e pulsanti più o meno elaborati) che aggiunge gradevolezza di utilizzo a discapito della velocità nelle macchine meno recenti. Ad esempio la distribuzione LUBUNTU è leggermente più veloce e meno gradevole, con qualche funzionalità accessoria non compresa rispetto alla XUBUNTU che offre maggiore grafica e accessori perdendo leggermente di velocità nelle macchine più datate.

Ogni distribuzione Linux può essere provata sul proprio PC o dispositivo senza procedere all’installazione, nella modalità live da penna USB. L’installazione definitiva e consigliamo anche le prove potranno essere effettuate dopo aver salvato tutti i documenti necessari. In rete sono disponibili applicazioni gratuite per rendere la penna USB avviabile e masterizzare all’interno di questa i necessari file di installazione della distribuzione Linux. Esistono anche applicazioni dette multiboot che consentono di salvare sulla penna diverse immagini di cd di installazione di distribuzioni Linux diverse e di scegliere al momento dell’avvio del PC quale usare in modalità live oppure installare.

Per PC molto vecchi nei quali le versioni su indicate non funzionano a dovere consigliamo PUPPY LINUX nelle sue diverse versioni. Questo sistema operativo risulta molto piccolo nello spazio e requisiti richiesti, veloce, adatto per PC anche vecchi. E’ possibile provarlo da penna USB senza procedere all’installazione definitiva.

Ricordiamo di procedere all’installazione con il dispositivo connesso alla rete internet, in modo da rendere possibile l’acquisizione automatica in rete di eventuali aggiornamenti necessari per il proprio dispositivo.

Il principale problema in caso di PC portatili potrebbe essere il mancato riconoscimento e funzionamento della connessione wifi, indispensabile per potersi collegare ad Internet fuori caso o fuori ufficio. La soluzione consiste nell’abilitare all’interno del centro software e aggiornamenti tutte le fonti di acquisizione di aggiornamenti e quindi procedere nella stessa scheda a verificare la disponibilità di aggiornamenti per i Driver proprietari, cioè quelli che non sono stati sviluppati dai programmatori della community Linux ma bensì dai produttori della scheda wifi del proprio PC. In questa maniera dovrebbero comparire i nuovi Driver prima assenti che consentiranno l’accensione e l’utilizzo delle connessioni wifi nel proprio pc. Ovviamente quanto descritto non occorre applicarlo in caso di wifi funzionante, ma solo se questo non funziona.

Per eventuali chiarimenti o informazioni possiamo mettervi in contatto con ditte o professionisti nostri associati specializzati in Linux, recupero e rigenerazione di hardware. In caso potete contattarci al Cell. 349/0817819.

One thought on “IL MIGLIOR OS LINUX PER PC VECCHI E NUOVI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.